Era tutto normale, a l’Aquila

di Davide Mancino

I verbali firmati ex post, in mezzo alle macerie.
“Non sapevo neppure cosa ho firmato” (Boschi)
“Non ti preoccupare, siamo collaborativi, il comunicato te lo sottoponiamo prima” (Boschi a Bertolaso, 9 aprile)
“La riunione è finalizzata a questo, la verità non si dice” (Bertolaso a Boschi, 9 aprile)
“Vengono i luminari, è più un’operazione mediatica, loro diranno: è una situazione normale, non ci sarà mai la scossa che fa male” (Bertolaso)
“La rassicurazione è il primo obbligo di un organo pubblico (Mario Morcellini, testimone della difesa)
“Il punto della riunione era calmare la popolazione. Noi scienziati non l’abbiamo capito se non più tardi (Boschi)

La sentenza è eccessiva, siamo tutti d’accordo. Però un po’ di memoria non guasta.

Questo post è stato modificato il 5/11/12: la conversazione di Boschi e Bertolaso è avvenuta il 9 aprile, non il 6 come erroneamente riportato.
Annunci

4 thoughts on “Era tutto normale, a l’Aquila

  1. Bertolaso non fa parte del processo. Non di questo, almeno. La dichiarazione di Boschi che citi (“Non ti preoccupare, siamo collaborativi…”) è del 9 aprile, non del 6. Nulla che sia legato ai fatti contestati nel processo, in ogni caso.

  2. Contestato da chi? Non certo dalla sentenza, che accusa la Commissione tutta di aver fornito informazioni sbagliate e insufficienti sul rischio sismico, causando la morte di 29 persone. Nessuno è stato accusato di essere stato troppo asservito ai politici.
    Citare conversazioni avvenute dopo i fatti contestati, tra l’altro inserendo una data sbagliata, non vedo in che modo possa aiutare a fare “memoria”. Ciascuno è libero di criticare il comportamento che i partecipanti alla Commissione hanno tenuto prima e dopo i fatti, però mi sembra che mescolare questi comportamenti con la sentenza crei soltanto inutile confusione.

  3. Leggo solo ora i commenti.
    Innanzi tutto, Valentina, non mi sembra proprio il caso che modifichi i post altrui, soprattutto senza nemmeno avvisare. Se permetti, sono abituato a prendermi la responsabilità di quello che scrivo (soprattutto quando sbaglio), non degli altri.
    In secondo luogo, il fatto che quella dichiarazione sia stata fatta il 9 piuttosto che il 6 non cambia di un epsilon la sostanza del discorso. Evidentemente non hai capito che qui non sto parlando del processo: il problema è etico e politico, non solo giuridico e scientifico.
    Se per te il fatto che la sentenza sia esagerata e non faccia distinzioni di responsabilità (cosa che contesto anch’io) assolve tutti i membri della CGR dalle loro responsabilità morali, evidentemente abbiamo una concezione diversa del giusto e dello sbagliato.
    La commissione si è fatta usare dalla politica, non è resa conto delle proprie responsabilità verso i cittadini, ha abusato dalla propria credibilità. In un caso (De Bernardinis) si è arrivati addirittura a raccontare balle in televisione. Io non so se questi siano reati. Probabilmente no, l’ho anche scritto in giro. Ma a me questi che intrallazzano con Bertolaso e poi fanno i poveri puri scienziati innocenti fanno schifo.
    E non ho bisogno di aspettare la sentenza di cassazione per dirlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...